Manzoni Moscato Spumante

Sheda Tecnica

 

 

Notizie sul Manzoni Moscato:

Il lungo e prezioso lavoro di selezione eseguito nei primi anni del ‘900 dal prof. Luigi Manzoni presso l’antica Scuola Enologica di Conegliano ha portato alla coltivazione di una serie di incroci , tra cui questo Incrocio Manzoni 13.0.25.

La curiosa sigla è legata al sistema di catalogazione in campo ritrovato nei quaderni di appunti del professore.

E’ un incrocio tra il Raboso Piave e il Moscato d’Amburgo

 

Caratteristiche del terreno:

Il vino Manzoni Moscato viene prodotto con le uve della vigna di Spezza, dove i sassi di grava sembrano prendere il sopravvento sulla stessa terra. Vi si trova un terreno povero in cui le viti trovano giusto equilibrio limitando molto lo sviluppo dei germogli e la quantità dei grappoli. Nella coltivazione vengono seguiti criteri di naturalità e fisiologia per una gestione agronomica sostenibile.

 

Sistema di allevamento e resa per ettaro:

Sylvoz corto, 80 quintali per ettaro.

 

Vinificazione:

Dopo la selezione manuale le uve vengono raccolte verso la metà di settembre. Il mosto viene messo a fermentare in speciali serbatoi a temperatura e pressione controllata fino ad ottenere la cosiddetta “base spumante“. Nel corso dell’annata quindi ogni singola cuvee viene messa in autoclave per la rifermentazione e l’ottenimento della miracolosa bollicina.

 

Dati analitici:

Alcool: 1,5% vol

Acidità totale: 6,00 g/l

pH: 3,20

Residuo zuccherino: 35-45 g/l

 

Note di degustazione:

E’ un vino fresco, delicatamente aromatico, con ricordi di lamponi, fragole e agrumi. Dal colore rosa carico va servito freddo ad accompagnare dessert e frutta secca.

 

 

 

 

scarica in PDF
Raboso del Piave

Tenuta Bonotto delle Tezze di Bonotto Antonio

Via Duca d’Aosta, 16 - Loc. Tezze di Piave - 31028 Vazzola (TV)

C.F. BNTNTN63H10C957T - P.IVA 03287710267